Sao Paulo Sprint 2022 report e highlights: Russell batte Verstappen nel thriller Sprint per assicurarsi il primo posto in griglia per il GP di San Paolo

George Russell ha lottato per la vittoria nel terzo e ultimo sprint di F1 della stagione 2022 in Brasile, davanti a Carlos Sainz della Ferrari e al suo compagno di squadra Mercedes Lewis Hamilton, assicurandosi che inizierà il Gran Premio di San Paolo dal primo posto.

La piovosa sessione di qualifiche di venerdì ha segnato la griglia di partenza per lo Sprint, con il pilota Haas Kevin Magnussen che ha ottenuto una pole position shock per partire in P1 davanti alla Red Bull di Max Verstappen, alla Mercedes di Russell e alla Lando della McLaren Norris.

Dopo che il paddock ha ripreso fiato dopo il dramma, la domanda principale prima dello Sprint era quali mescole di pneumatici i piloti e i team avrebbero optato per i 24 giri – o 100 km – della gara. Chi andrebbe con le gomme più morbide e chi andrebbe sul sicuro con quelle medie?

LEGGI DI PIÙ: “C’è sempre molto da imparare” – La Ferrari pronta per una revisione dettagliata dopo la difficile sessione di qualifiche a San Paolo

Quando le coperture dei pneumatici sono state rimosse sulla griglia in condizioni luminose e calde, queste domande hanno avuto risposta. Curiosamente, Verstappen è stato uno dei due soli piloti a optare per le medie, con il pilota Williams Nicholas Latifi, il resto per le morbide segnate in rosso.

Quando il semaforo si è spento, Magnussen ha sfruttato al meglio le sue gomme morbide uscendo dalla linea per difendere il suo vantaggio in pole position su Verstappen, che è stato sottoposto a un’intensa pressione da Russell nella sequenza di apertura della curva, ma è riuscito a tenere duro. P2.

1


Giorgio
Russel
RUS
mercedes
30:11.307

8
2


carlo
sainz
SAI
Ferrari
+3.995

Sette
3


lewis
hamilton
PROSCIUTTO
mercedes
+4.492

6
4


Massimo
Verstappen
VERME
Corsa dei tori rossi
+10.494

5
5


Sergio
Perez
DI
Corsa dei tori rossi
+11.855

4

Dietro, Sainz ha quasi sparato a Norris, che si sentiva ancora poco bene dopo il suo attacco di sospetta intossicazione alimentare, mentre il duo alpino Esteban Ocon e Fernando Alonso sono andati ruota a ruota e sono entrati in contatto alla curva 4, prima di un altro momento stretto sul rettilineo dei box , che sarà esaminato dai marescialli.

“Ho perso l’ala anteriore, grazie al nostro amico. Mi ha spinto alla curva 4, poi lungo il rettilineo”, ha detto Alonso in un paio di messaggi radio frustrati, mentre si fermava per le riparazioni. Parlando con Sky Sports F1 dal muretto dei box alpini, il capo del team Otmar Szafnauer ha ammesso che Ocon “avrebbe potuto dargli un po’ più di spazio”.

Dopo aver fallito al primo tentativo, Sainz ha superato Norris nella Senna Esses all’inizio del secondo giro, mentre Verstappen è stato nuovamente costretto a posizionare con cura la sua macchina per tenere a bada Russell – sulla gomma più morbida – mentre Magnussen ha salvato il primo round Haas di sempre. guidato in F1.

LEGGI DI PIÙ: Steiner conferma che Haas annuncerà la decisione sul roster 2023 prima del finale di stagione di Abu Dhabi

Il tempo di Magnussen davanti sarebbe stato di breve durata, tuttavia, poiché Verstappen ha accumulato un po’ più di temperatura nelle sue gomme per avvicinarsi e passare lungo il rettilineo principale al 3° giro – Russell e Sainz hanno seguito l’esempio una curva dopo.

Più indietro, Hamilton, Sergio Perez e Charles Leclerc hanno iniziato a recuperare i loro modesti risultati di qualificazione eliminando una serie di rivali nei primi giri per correre rispettivamente P4, P5 e P6, retrocedendo ulteriormente Magnussen.


Magnussen ha fatto del suo meglio per mantenere il vantaggio della pole position, ma presto è caduto dietro le auto più veloci

Dopo la colluttazione tra i piloti alpini, un’altra battaglia tra compagni di squadra ha visto Lance Stroll subire una penalità di 10 secondi per un’aggressiva mossa difensiva contro Sebastian Vettel nella gara tra le curve 3 e 4, che ha costretto il tedesco a prendere l’erba. .

Di nuovo davanti, è stato il turno di Russell di tentare un sorpasso mentre si avvicinava alla portata del DRS di Verstappen, che ha lottato per far funzionare le sue gomme medie, provocando diversi momenti fianco a fianco tra i due mentre lo Sprint stava raggiungendo la metà.

Dopo una prima discesa al 12° giro e un leggero ritardo nel suo attacco quando Alex Albon ha parcheggiato la sua Williams, Russell ha finalmente superato Verstappen al 15° giro, entrando nella scia della Red Bull uscendo dalla Senna Esses e posizionando sapientemente la sua vettura. l’esterno della curva 4.

LEGGI DI PIÙ: Piastri e Gasly correranno per McLaren e Alpine nei test post-stagionali ad Abu Dhabi dopo che i team hanno raggiunto un accordo

Da lì Verstappen è caduto nelle grinfie di Sainz, che ha superato l’olandese alla curva 1 al giro 19, solo per vedere il posteriore della Ferrari agganciare l’ala anteriore di Verstappen a metà curva, infliggendo danni che hanno aperto le porte anche ad Hamilton . vai avanti.

Russell ha mantenuto la calma in testa per ottenere la vittoria in griglia Sprint e P1 per il Gran Premio di domenica, Sainz è riuscito a gestire il degrado delle gomme in ritardo per battere Hamilton in P3 (anche se prima della sua penalità di cinque punti). Verstappen e Perez rispettivamente quarto e quinto.


1441017599

Russell ha attaccato e attaccato e alla fine ha trovato un modo per superare Verstappen

Leclerc è riuscito a farsi strada fino al sesto posto dopo le difficoltà di qualificazione, con Norris che ha eliminato anche Magnussen, che ha vinto l’ultimo punto offerto con il formato di punteggio Sprint rivisto per il 2022.

Vettel era nono dopo il suo scontro con Stroll, seguito dal leader AlphaTauri di Pierre Gasly, Daniel Ricciardo della McLaren, l’altra Haas di Mick Schumacher e l’Alfa Romeo litigioso Zhou Guanyu e Valtteri Bottas.

LEGGI DI PIÙ: La carica di San Paolo di Hamilton, la partenza a razzo di Alonso e Bottas lo guidano – 7 migliori momenti di F1 Sprint

Hamilton, Ricciardo e Zhou sono tutti pronti per essere indagati dopo la gara, con potenziali violazioni della procedura di partenza segnalate, il che significa che potrebbe esserci ancora un cambio nelle posizioni di punteggio se il pilota Mercedes viene penalizzato.

Alonso ha ottenuto un modesto 15° posto dopo i suoi incidenti con Ocon e il suo viaggio nella corsia dei box, quando Yuki Tsunoda (AlphaTauri), Stroll, Ocon e Nicholas Latifi (Williams) hanno completato l’ordine – Albon è l’unico ritiro.

Tuttavia, gli steward in seguito hanno stabilito che Alonso era responsabile del secondo incidente con Ocon, infliggendogli due punti di penalità e una penalità di cinque secondi, che lo hanno portato al 18° posto in griglia al Premio San Paolo del Grand Sunday – Tsunoda, Stroll e Ocon si spostano tutti di un posto.

citazione chiave

“È stato fantastico. Non mi aspettavo di avere così tanto ritmo, ma penso che mostri tutto il duro lavoro svolto da tutti e i progressi che abbiamo fatto come squadra. In queste ultime tre gare da Austin, l’auto si è sentita davvero bene, ovviamente è difficile sapere come si sarebbe comportato Max se fosse stato con le gomme morbide, ma comunque essere qui è una bella sensazione”, ha detto il vincitore dello Sprint Russell. .

“È pazzesco pensare che i due [Mercedes cars will be] a partire dalla prima riga. Lewis ha fatto un ottimo lavoro venendo dall’ottavo posto, quindi sarà emozionante. Sono sicuro che Max volerà domani, passerà attraverso il gruppo, ma siamo in una posizione di lusso dove forse possiamo dividere la strategia e puntare alla vittoria.

Momento chiave

La mossa decisiva di Russell per il comando al giro 15 di 24 quando ha preso una corsa su Verstappen lasciando le Senna Esses e ha doppiato l’esterno del suo rivale alla curva 4.


1441020858

Hamilton e Russell condivideranno la prima fila della griglia dopo che Sainz ha subito una penalità al motore

I più grandi motori

Mentre Magnussen ha fatto notizia nelle qualifiche, il suo compagno di squadra Schumacher ha preso il maggior numero di posizioni nello Sprint, risalindo di otto posizioni dalla sua posizione di partenza P20. Hamilton è stato il prossimo della lista, salendo di cinque posizioni dall’ottavo posto al terzo posto, che diventa secondo per il GP di San Paolo dopo la penalità di Sainz.

Gli alpini sono stati i più perdenti dopo i loro scontri, con Ocon che è passato dal P6 al P17, mentre Alonso ha finito per penalizzare P18 – un calo di 11 posizioni ciascuno – con Albon (perde nove posizioni al ritiro) e Magnussen (sotto di sette posizioni) gli altri perdere terreno.

E dopo?

Piloti e team si concentreranno ora sul Gran Premio di San Paolo di 71 giri, che inizierà domenica alle 15:00 ora locale. Visita il RACE HUB dedicato per maggiori informazioni.

Add Comment