La dieta mediterranea aiuta a sconfiggere la depressione nei giovani uomini

Riassunto: Il passaggio a una dieta mediterranea ha migliorato significativamente i sintomi della depressione nei giovani uomini, secondo un nuovo studio.

Fonte: Università di Sydney

Secondo un nuovo studio, i giovani uomini con diete povere hanno visto un miglioramento significativo dei loro sintomi di depressione quando sono passati a una sana dieta mediterranea.

La depressione è un problema di salute mentale comune che colpisce circa 1 milione di australiani ogni anno. È un importante fattore di rischio per il suicidio, la principale causa di morte nei giovani adulti.

Lo studio randomizzato controllato di 12 settimane, condotto dai ricercatori dell’Università di Tecnologia di Sydney, è stato recentemente pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

La ricercatrice capo Jessica Bayes, dottoranda presso la UTS School of Health, ha affermato che lo studio è stato il primo studio clinico randomizzato a valutare l’impatto di una dieta mediterranea sui sintomi della depressione nei giovani uomini (di età compresa tra 18 e 25 anni).

“Siamo rimasti sorpresi da quanto fossero disposti i giovani ad abbracciare una nuova dieta”, ha detto Bayes. “Le persone assegnate alla dieta mediterranea sono state in grado di modificare in modo significativo la loro dieta originale, sotto la guida di un nutrizionista, in un breve periodo di tempo”.

“Questo suggerisce che medici e psicologi dovrebbero considerare di indirizzare i giovani depressi a un nutrizionista o dietista come una parte importante del trattamento della depressione clinica”, ha detto.

La dieta utilizzata nello studio era ricca di verdure colorate, legumi e cereali integrali, pesce grasso, olio d’oliva e noci crude non salate. L’immagine è di pubblico dominio

Lo studio contribuisce al campo emergente della psichiatria nutrizionale, che mira a esplorare l’effetto che specifici nutrienti, alimenti e diete possono avere sulla salute mentale. La dieta utilizzata nello studio era ricca di verdure colorate, legumi e cereali integrali, pesce grasso, olio d’oliva e noci crude non salate.

“L’obiettivo principale era aumentare la qualità della dieta con cibi integrali freschi riducendo il consumo di cibi veloci, zucchero e carne rossa trasformata”, ha affermato Bayes.

“Ci sono molte ragioni per cui crediamo scientificamente che il cibo influenzi l’umore. Ad esempio, circa il 90% della serotonina, una sostanza chimica che ci aiuta a sentirci felici, è prodotta nel nostro intestino dai nostri microbi intestinali. Ci sono nuove prove che questi microbi possono comunicare con il cervello attraverso il nervo vago, in quello che viene chiamato l’asse intestino-cervello.

“Per ottenere microbi benefici, dobbiamo nutrirli con fibre, che si trovano in legumi, frutta e verdura”, ha detto.

Circa il 30% dei pazienti depressi non risponde adeguatamente ai trattamenti standard per il disturbo depressivo maggiore come la terapia cognitivo comportamentale e gli antidepressivi.

“Quasi tutti i nostri partecipanti sono rimasti con il programma e molti erano ansiosi di continuare la dieta dopo il completamento dello studio, dimostrando quanto efficace, tollerabile e utile abbiano trovato l’intervento”.

A proposito di questa dieta e notizie di ricerca sulla depressione

Autore: Leila Schubert
Fonte: Università di Sydney
Contatto: Leilah Schubert – Università di Sydney
Foto: L’immagine è di pubblico dominio

Ricerca originale: Accesso chiuso.
“L’effetto di una dieta mediterranea sui sintomi depressivi nei giovani uomini (studio “AMMEND”): uno studio controllato randomizzato” di Jessica Bayes et al. Giornale americano di nutrizione clinica


Astratto

L’effetto di una dieta mediterranea sui sintomi della depressione nei giovani uomini (lo studio “AMMEND”): uno studio randomizzato controllato

Sfondo

La depressione è un problema di salute mentale comune che colpisce 1 uomo su 8 ogni anno, in particolare i giovani adulti. La giovane età adulta offre un’opportunità per interventi dietetici precoci, con la ricerca che suggerisce che una dieta mediterranea (MD) può essere utile nel trattamento della depressione.

Obiettivo

Questo studio mirava a scoprire se un medico può migliorare i sintomi depressivi nei giovani uomini con depressione clinica.

Guarda anche

Metodi

È stato condotto uno studio controllato randomizzato in aperto di 12 settimane in gruppi paralleli per valutare l’effetto di un intervento medico nel trattamento della depressione da moderata a grave nei giovani uomini (18-25 anni). La terapia dell’amicizia è stata scelta per il gruppo di controllo. Le valutazioni sono state effettuate al basale, alla settimana 6 e alla settimana 12. L’aderenza al DM è stata misurata con il punteggio di aderenza mediterranea (MEDAS). L’endpoint primario era la Beck Depression Inventory Scale (BDI-II) e l’endpoint secondario era la qualità della vita (QoL).

Risultati

Un totale di 72 partecipanti hanno completato lo studio. Dopo 12 settimane, i punteggi MEDAS erano significativamente più alti nel gruppo MD rispetto al gruppo in amicizia (differenza media: 7,8, IC 95%: 7,23, 8,37, p<0,001). La variazione media del punteggio BDI-II era significativamente più alta nel gruppo MD rispetto al gruppo con ritenzione alla settimana 12 (differenza media: 14,4, IC 95%: 11,41, 17,39, p<0,001). Anche il cambiamento medio nel punteggio della qualità della vita era significativamente più alto nel gruppo MD rispetto al gruppo dell'amicizia alla settimana 12 (differenza media: 12,7, IC 95%: 7,92, 17,48), p<0,001).

Conclusione

I nostri risultati dimostrano che rispetto all’amicizia, un intervento di MD comporta un aumento significativo del punteggio MEDAS, una diminuzione del punteggio BDI-II e un aumento dei punteggi della qualità della vita. Questi risultati evidenziano l’importante ruolo della nutrizione nel trattamento della depressione e dovrebbero informare i consigli dati dai medici a questo specifico gruppo demografico.

Add Comment